15 Settembre 2019

club circuito immobiliare

INVESTIRE SULLA SECONDA CASA AL MARE CONVIENE

Oggi che il mercato immobiliare dà finalmente segni di ripresa, per gli italiani torna in auge l'acquisto della seconda casa come soluzione d'investimento. Tutti desiderano avere una casa al mare, non solo nelle località più chic della penisola ma anche in quelle meno quotate, purché siano vicino a importanti luoghi d'attrazione ed unire così l'utile al dilettevole, la tintarella alla cultura.
Tra questi ultimi, i litorali del Veneto e del Friuli stanno diventando meta preferita di molte famiglie italiane.
La casa al mare non è più solo il rifugio per il weekend o il luogo del cuore, ma viene considerata una vera e propria fonte di reddito: grazie all'avvento delle modernissime Agenzie specializzate e dei portali web, è ormai facile e sicuro darla in locazione per mesi o settimane, con formule semplici e immediate nei periodi in cui non la si abita.
Negli ultimi anni, i dati dell'Agenzia delle Entrate hanno registrato un importante blocco dei prezzi che ha invogliato ancora di più all'acquisto della seconda casa.

Vale la pena investire sul mattone?
Seppur vittima di periodi di forte crisi, il settore immobiliare rappresenta una delle principali mete in cui investire il proprio capitale, in quanto la domanda di immobili sarà sempre presente sul mercato.
È bene acquistare una seconda casa con l'aiuto di esperti di settore: meglio prediligere le Agenzie con una lunga storia alle spalle e valutare insieme la tipologia di casa da acquistare, non solo in base alle proprie esigenze personali ma anche pensando ad una futura locazione.

LA CITY MILANESE LEADER NEL REAL ESTATE EUROPEO

Milano, secondo l’indice di competitività, è la seconda città europea, dopo Monaco, in cui si proiettano i principali investimenti immobiliari. Secondo le ultime previsioni, nei prossimi anni si daranno il via ai più rilevanti interventi di trasformazione urbana/edilizia che interesseranno una superficie di circa 12,5 milioni di mq che potrebbe generare a sua volta una superficie sviluppata di 6,3 milioni di mq, concentrata prevalentemente nel settore residenziale (2,7 milioni di mq), terziario (1,3 milioni di mq), commerciale (1 milione di mq) e funzioni pubbliche di interesse sociale-collettivo (circa 650 mila mq).

Inoltre nell'ultimo biennio a Milano nel settore immobiliare si sono registrati investimenti di soggetti istituzionali esteri per oltre 4 miliardi di Euro, cifra che rappresenta la metà di quanto investito in tutta Italia. Favorevole è il carattere turistico-attrattivo della realtà meneghina: nell'indice di competitività delle città europee, Milano è al secondo posto davanti a Stoccarda, Parigi e Londra. Roma è solo sedicesima.



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]