27 Giugno 2019
percorso: Home

Regolamento

Il presente Regolamento fa riferimento allo Statuto del Club Circuito Immobiliare specificando e completando quanto in esso contenuto.

Art.1
Definizioni

Assemblea: formata dai soci, delibera sugli indirizzi generali del Club e nomina il Presidente e i membri del consiglio direttivo.
Consiglio: organo direttivo che presiede al governo e all'amministrazione del Club; ad esso è demandata ogni decisione in ordine all'ammissione o esclusione di soci, queste ultime da deliberare con votazione segreta, salvo diversa unanime decisione del Consiglio stesso.
Consigliere: membro del consiglio direttivo.
Socio: socio attivo del club.

Art. 2
Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è l'organo di governo ed amministrativo del club ed è composto dai consiglieri eletti dall'Assemblea, nel numero massimo di nove.
Le riunioni del Consiglio Direttivo si tengono mediamente una volta al mese e/o quando il Presidente lo ritiene opportuno, ovvero su richiesta di almeno due Consiglieri.
Il Consiglio Direttivo è regolarmente costituito con la presenza di almeno la metà più uno dei Consiglieri e delibera a maggioranza dei presenti.
Le votazioni avvengono per alzata di mano o per appello nominale.
Al Consiglio Direttivo, presieduto dal Presidente, spetta la nomina tra i propri membri del Vice Presidente, del Segretario e del Tesoriere.
Successivamente alla nomina, in caso di cessazione anticipata dalla carica per qualsiasi motivo di un
componente del Consiglio Direttivo, il Consiglio stesso provvede alla cooptazione di altro componente in
sostituzione di quello cessato.

Art. 3
Elezione di consiglieri, dirigenti e sistemi di votazione

Durante la seconda riunione annuale è prevista l'elezione dei candidati dirigenti; le decisioni riguardanti il Club sono prese con votazione palese e di regola a semplice maggioranza dei votanti. Le candidature possono essere presentate dai soci del Club presenti alla riunione. I nomi dei candidati sono scritti su una scheda in ordine alfabetico a fianco di ogni carica e sottoposti al voto della riunione annuale. La votazione può essere verbale o avvenire mediante scrutinio segreto. I candidati ottenenti la maggioranza sono dichiarati eletti.
La durata delle cariche dirigenziali è fissata in 24 mesi.

Art. 4
Compiti dei dirigenti

Presidente: ad egli spetta la rappresentanza e la direzione del Club e della sua attività. Egli presiede l'assemblea e le riunioni del Club nonché le sedute del consiglio direttivo ed esplica tutte le funzioni derivanti dalla carica.
Vice-presidente: sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento ed esegue attività specificamente attribuite dal Consiglio.
In caso di assenza o impedimento anche del vice-presidente, la sostituzione è effettuata dal consigliere in carica più anziano per data di ammissione al Club.
Segretario: tiene aggiornato l'elenco dei soci, registra le frequenze dei soci alle riunioni, dirama gli avvisi di convocazione delle riunioni del Club e del Consiglio Direttivo; redige e conserva i verbali delle assemblee e del consiglio. Oltre a ciò, esercita tutte le altre mansioni che competono normalmente alla sua carica.
Tesoriere: è responsabile della custodia dei fondi e delle somme di spettanza del Club, dandone conto al consiglio direttivo almeno semestralmente, e comunque su richiesta di questo, e ne riferisce all'assemblea generale annuale o in altra riunione del Club; svolge inoltre tutte le funzioni derivanti dalla sua carica.
Una volta cessato dalla propria carica, il Tesoriere deve consegnare al suo successore, o al Presidente, tutte le somme, i titoli e quant'altro di spettanza del Club si trovi nella sua disponibilità, nonché i libri contabili e i documenti relativi.

Art. 5
Riunioni

Il Club tiene annualmente due riunioni: una tra Marzo e Aprile, l'altra tra Ottobre e Novembre; sede unica delle riunioni è la sede legale del Club. Per quanto concerne le cene, queste avranno cadenze e luogo da stabilire di volta in volta. Comunicazioni a riguardo saranno fornite ai soci almeno con 15 giorni di preavviso. Per considerare valide le riunioni il numero legale è rappresentato da un terzo dei soci.

Art. 6
Quote sociali

Per i primi due anni i soci sono esentati dal pagamento delle quote sociali e non sono dovute quote di ammissione, se non ad una quota iniziale per coprire le spese vive, come la cura del presente sito web. Il Consiglio, con voto di maggioranza, si riserva comunque il diritto di introdurre quote sociali a partire dall'anno successivo.

Art.7
Dispense

I soci che presentino al consiglio domanda scritta, motivata da ragioni valide e sufficienti, possono ottenere un permesso che li dispensa dall'obbligo di partecipare alle riunioni del Club per un massimo di due consecutive, di cui una rappresentata da una cena.

Art. 8
Procedure di ammissione al Club

Il Consiglio deve assicurarsi che la proposta di ammissione di un nuovo socio soddisfi tutti i requisiti stabiliti dallo Statuto. Il Consiglio si occuperà altresì di rifiutare o approvare la proposta entro 30 giorni dalla sua presentazione.
Ad ammissione avvenuta, il Presidente provvede a presentare il nuovo socio al resto del Club.

Art. 9
Cessazione della membership

Un socio cessa automaticamente di far parte del Club quando non soddisfa più i requisiti di appartenenza; è altresì soggetto alla perdita della qualifica di socio nel caso in cui si verifichino i punti seguenti:
1. Morosità: ovvero il non pagamento delle quote dovute entro 30 giorni successivi dalla scadenza.
2. Espulsione: un socio può essere espulso per violazione delle norme statuarie, per comportamento scorretto o tale da nuocere agli interessi del Club e altre gravi inadempienze.

Art.10
Contenuto delle riunioni

1. Apertura
2. Presentazione degli ospiti
3. Comunicazioni, avvisi, informazioni
4. Eventuali argomenti non esauriti
5. Nuovi argomenti
6. Relazione o presentazione del programma
7. Chiusura

Art. 11
Emendamenti

1. Al presente Regolamento non può essere apportata alcuna modifica o aggiunta che non sia in armonia con lo statuto del Club
2. In occasione di un'assemblea, regolarmente costituita, questo regolamento può essere modificato con il voto favorevole di almeno due terzi di tutti i soci presenti, previa anticipata comunicazione della proposta di modifica a ciascun socio almeno dieci giorni prima della riunione.



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]